lunedì 29 gennaio 2007

Johnny Cash God's Gonna Cut You Down


Premetto che non ho una grande conoscenza di Johnny Cash, ma questo video tributo a questo artista scomparso mi ha veramente colpito... sia per la bellissima musica sia per il video veramente suggestivo! Ormai lo guardo da ieri sera come in loop, spero piaccia anche a voi...






domenica 28 gennaio 2007

BLOOD DIAMOND

Blood Diamond


La denuncia sociale di un certo livello è sempre più rara, quindi non posso che essere felice di questo Blood Diamond. Un film che usa la trama quasi come pretesto per presentare a tutti noi una realtà da troppi sconosciuta.

Innanzitutto il cast di questo film è più che ottimo:

Leonardo DiCaprio nominato agli Oscar come miglior interprete maschile proprio per questo film, nella parte di Danny Archer, un mercenario dello Zimbawe alle prese con il contrabbando di diamanti. Djimon Hounsou anchegli nomitato agli Oscar per questa pellicola, interpreta un pescatore Africano a cui hanno strappato la famiglia, con la sfortuna o fortuna di aver trovato e nascosto un preziosissimo diamante rosa nel territorio dei ribelli. E infine la bellissima Jennifer Connely nei panni della coraggiosa reporter alle prese con l'inchiesta sui "diamanti Insanguinati".



Jennifer Connely




Che l'Africa sia un paese povero è cosa sotto l'occhio di tutti, ma non tutti sanno che molti dei dimanti che si trovano nei negozi vengono proprio da li! Una bella contraddizione non trovate?
Eppure l'Africa rimane uno dei paesi più poveri al mondo e lo scotto che paga per colpa delle pietre preziose che porta è altissimo.
L'uomo nella sua continua ricerca di ricchezza non fa altro che distruggere i paesi più poveri, mi domando se sia civiltà questa... se finirà mai tutto questo ma dubito fortemente.

Blood Diamond è un film molto d'impatto, ti scuote, ti commuove è ben girato e ben interpretato, soprattutto da Djimon Hounsou, già visto nel Gladiatore, ma trovo che al tutto manchi qualcosa.

Il ritmo soprattutto per quanto riguarda la prima parte è piuttosto lento, la trama in sè, se non fosse per la storia che cè dietro, presenta dei personaggi piuttosto stereotipati, e il finale seppur toccante rimane comunque piuttosto prevedibile e scontato.
D'altro canto il regista è quello dell'ultimo samurai, altro film con un finale tutt'altro che riuscito.

Mi è piaciuto molto Leonardo DiCaprio, ormai totalmente a suo agio nei panni del bello e dannato, ma non lo vedo meritevole di un Oscar, sinceramente lo darei a Hounsou che è veramente strepitoso in questo film. Altra cosa che non posso non menzionare è la fotografia, veramente stupenda... valorizza appieno gli stupendi scenari Africani, veramente un atmosfera unica al mondo.

In sostanza questo Blood Diamond è una pellicola che vi consiglio, anche se non è totalmente riuscita, riesce a catalizzare l'attenzione dello spettatore per quasi tutta la sua durata e non è poco visto che dura più di due ore; offre grandi spunti di riflessione e sensibilizza l'opinione pubblica su un tema che a molti fa comodo tener nascosto.









martedì 23 gennaio 2007

IL PRANZO è SERVITO!




Qualcuno di voi si ricorda il pranzo è servito? la bellisima trasmissione condotta dal mai troppo compianto Corrado? Girando per la rete ho trovato un gioco in flash molto carino ispirato a questa mitica trasmissione....
Fatemi sapere i vostri record!;D

QUI

Ed eccovi la stupenda sigla... sigh, quanti ricordi!!










domenica 21 gennaio 2007

ROCKY BALBOA

ROCKY BALBOA




Sinceramente su questo film ero decisamente scettico, ma in qualche modo mi sono ricreduto anche se al contrario di molta gente non penso proprio che si possa definire Rocky Balboa come un film capolavoro. 

Il film ha avuto una gestazione piuttosto travagliata, e in alcuni punti si vede. Sia per quanto riguarda lo script, scritto e riscritto più volte dallo stesso Stallone prima di trovare l'idea buona, sia per quanto riguarda la produzione del film. Tutto ciò riporta alla mente il primo Rocky, un film girato in 28 giorni con basso budget entrato poi nella storia del cinema.
Questo Rocky Balboa è stato girato in 5 settimane, con un budget non certo a livello di altre produzioni Hollywoodiane, ma Stallone ha creduto talmente tanto nel suo progetto da non mollare mai e questo gli fa sicuramente onore se non altro per la sua determinazione.
La trama del film vede un Rocky Balboa ormai ultra 50enne alle prese con la sua vita dopo la morte dell'amata Adriana. Il nostro conduce una vita solitaria e gestisce un piccolo ristorante nella natia Philadelfia, dove gli avventori passano il tempo ascoltando le storie del suo glorioso passato. Tuttavia, per Rocky il richiamo del ring diventa molto forte dopo la visione di un suo vittorioso incontro virtuale contro il giovane Mason Dixon, campione in carica dei pesi massimi. Mosso più dalla voglia di rimettersi in gioco che dalla smania di vittoria, Rocky decide di riprendere a boxare con l'aiuto degli amici di un tempo e del figlio Rocky Jr., e arriva ad accettare la sfida 'reale' lanciata dallo stesso Dixon.


Belle le analogie tra Rocky e Sylvester Stallone che si possono carpire durante il film. Il fatto di non mollare mai, la grande determinazione che mostra l'ormai anziano atletà che contro il parere di tutti si rimette ancora una volta i guantoni. Bello anche il rapporto contrastato con il figlio ma manca qualcosa a questo film.

Il tutto mi è parso poco approfondito, un pò frettoloso e a tratti sicuramente banale. L'interpretazione degli attori è buona e l'incontro finale è tutto sommato molto godibile. 
Manca però molto il pathos che caratterizzava i vecchi film, soprattutto il pre incontro, e anche la colonna sonora è tutto fuorché incisiva, cosa che nella saga è sempre stata una delle parti più curate.


Girato interamente in luoghi reali, senza gru e carrello, con molta macchina a mano. Si è risparmiato pure sulle comparse, utilizzando gli spettatori e la sala di un vero incontro; il match del film è avvenuto prima dell'altro, sullo stesso ring, in tempo reale! Chi ha l'occhio un pò attento noterà infatti che c'è un cambio di fotografia nel frangente dell'incontro e che le inquadrature sono piuttosto televisive.
Sull'aspetto "fisico" c'è sicuramente da fare un paluso a Stallone, girare certe scene a 60 anni suonati non dev'essere facile! Non a caso Sly ha riportato vari strappi durante la lavorazione del film ed è caduto veramente varie volte durante l'incontro.
Una nota di demerito va a Dixon, il contendente di Rocky, veramente sottotono, anche se credo che sia una cosa voluta un minimo in più di carisma potevano concederglielo!
Altra cosa che mi ha convinto poco è il doppiaggio Italiano, ok la voce di Stallone, ma il resto del cast l'ho trovato un pò sottotono. Purtroppo si sono pure perse varie cose dal doppiaggio originale e questo non è MAI buono! 

Note curiose: oltre al cameo che si vede nella pellicola Mike Tyson si era proposto a Stallone come possibile avversario in questo film, ma Sly ha rifiutato dicendo una cosa del tipo:"Ok che sono anziano, ma non sono poi così anziano da dover morire".

Altra cosa carina, Dixon è stato interpretato da un vero pugile, Antonio Tarver, ex campione dei mediomassimi.
In definitiva questo Rocky Balboa vince in parte la sfida lanciata da Stallone, forse con un budget più alto e più tempo di lavorazione si sarebbe potuto fare di più ma tantè che dobbiamo accontentarci di un buon film, che rispetto a Rocky V che nemmeno a Sly è mai piaciuto, conclude degnamente la saga.

giovedì 18 gennaio 2007

MAI DIRE TV E LA TELENOVELA PIù BELLA DEL MONDO!

BUAHAHAHAHHAHAh!
Ma qualcuno si ricorda della telenovela piemontese che mandavano su Mai dire tv?
Si chiamava "Sogni d'amore", una trashata pazzesca!XD
Mai dire tv poi era una gran trasmissione.. secondo me tra le più riuscite della Gialappa's!
*Si ringrazia Double-D per aver uppato i filmati.*

















lunedì 15 gennaio 2007

BUONE NUOVE DA MTV!

Il palinsesto di Mtv si riempie di cose interessanti e io non posso fare a meno di segnalarvele.


boondocks




Iniziamo subito con The Boondocks, un cartone animato americano che prende spunto da una bellissima strip di Aaron McGruder. Uscita anche da noi su Linus e poi in volumi monografici. In questa serie animata della Sony c'è tutta l'America di oggi: dal Gangsta rap a George Bush, dagli attentati dell'11 Settembre a fatti più mondani. Certo le strip sono molto più immediate ma devo dire che la trasposizione è molto godibile e ben realizzata! Va in onda ogni lunedì alle 23.




wheremydogsat



Altra serie molto carina ma con meno risvolti profondi di The Boondocks è Where My Dogs At. Due cani alle prese con le stranezze dei personaggi di Hollywood. Serie molto divertente, anche se non sempre il massimo della finezza. Questo va in onda ogni lunedì alle 23, 30!



NANA




La novità più succosa di tutte è la messa in onda dell'anime di Nana da martedì 23 gennaio!
Di questa serie di Ai Yazawa ho già parlato ampiamente nella sezione anime, per cui se siete tra i pochi che non la conoscono potete leggere il mio post!;)

Che dire, Mtv pare iniziare questo 2007 decisamente con il piede giusto!


domenica 14 gennaio 2007

THE PRESTIGE

The Prestige

"Non è la magia che conta, ma il trucco che c'è dietro di questa"




Bello, bello bello! The prestige non può che essere definito così.
Dal regista di Batman Begins e Memento, Christopher Nolan, The Prestige è tratto da un libro di  Christopher Priest.
Ambientato nella Londra di fine ottocento, il film racconta la storia di due maghi che combattono l'uno contro l'altro per rubarsi segreti, per vendicarsi l'uno dell'altro in un continuo turbinio di situazioni e di flash back, non come in Memento certo, ma la ricostruzione dei fatti è similmente macchinosa e affascinante.

Si passa tutto il film a parteggiare per uno o per l'altro mago rimanendo incollati allo schermo totalmente trasportati dalla macchina quasi perfetta che è The Prestige.





I 2 maghi sono interpretati da Hugh Jackman già visto in Van Helsing e nei panni di Wolverine e da Christian Bale, attore che ha già lavorato con Nolan in Batman Begins.
Veramente molto convincente l'interpretazione dei due, forse giusto Bale mi ha convinto un pò meno, sarà poi che come attore non mi piace moltissimo.

Altra partecipazione degna di nota è quella del grandissimo Michael Caine già visto con Nolan in Batman Begins... si certo la sua parte fa molto Alfred, però è talmente bravo che non riesco a trovare difetti in questo, è un attore come ce ne sono pochi.

Bowie nella parte di Tesla


Bellissimo il cameo di David Bowie, il neo 60 enne Duca Bianco dà il meglio di sè nei panni di Tesla, un inventore fuori dal comune. Certo l'ho visto un pò gonfio e invecchiato, ma purtroppo l'operazione al cuore che ha avuto pochi anni fa ha lasciato sicuramente i suoi segni ma non ha scalfito minimamente il magnetismo di questo grandissimo artista.
Segnalo anche Scarlett Johansson, bella come sempre ma non certo in un ruolo particolarmente impegnativo.


Il film è tutto retto dalla bellissima storia e dall'ottima prova degli attori protagonisti. 
Da vedere e rivedere per coglierne tutte le sfumature e i particolari che per forza in una prima visione possono sfuggire.
A mio parere il miglior film della passata stagione cinematografica insieme a The Departed.
Un film spiazzante, coinvolgente, su eterni sentimenti che domineranno sempre l'animo umano, quali l'antogonismo, l'odio, l'amore, la passione...

Insomma un film assolutamente da vedere! E già che ci sono, vi consiglio, sempre dello stesso regista, sia il già citato Memento che Insomnia, entrambi molto interessanti.;)




lunedì 8 gennaio 2007

SMASHING PUMPKINS: IL RITORNO NEL 2007?

Smashing Pumpkins




Come forse qualcuno avrà intuito sono un grande fan degli Smashin Pumpkins... e non posso che gioire nella prospettiva di un loro ritorno musicale. Sperando che il tutto sia meglio dell'ultimo Machina, non esattamente all'altezza dei precedenti lavori della band. Nemmeno la parentesi solista di Billy Corgan mi ha convinto, tantomeno l'album con gli Zwan.

Nei giorni scorsi, Billy Corgan ha salutato il nuovo anno ed i fans attraverso un messaggio su My Space in cui promette l'uscita del nuovo album e un successivo tour mondiale. Maggio viene indicato come mese cruciale e culmine di un periodo molto positivo per la band che, dopo anni di tensione e recriminazioni è, almeno per quanto riguarda Billy e Jimmy, riuscita a trovare un proprio equilibrio. Ancora non chiara la posizione dei restanti membri della band ma pare molto sicuro che nè James Iha nè tantomeno D'arcy Wretzky possano far parte del progetto... ma la speranza è l'ultima a morire!

Vi lascio il link dello spazio my space degli Smashing e qualche video:
http://blog.myspace.com/smashingpumpkins













mercoledì 3 gennaio 2007

AYAMI KOJIMA: NON SOLO CASTLEVANIA!






Ho deciso di iniziare il nuovo anno omaggiando una delle mie disegnatrici preferite, parlo, come avrete già capito dal titolo, di Ayami Kojima (小島 文美). La bravissima illustratrice giapponese conosciuta soprattutto per aver curato molti episodi della serie di videogiochi "Castlevania".

Prima di lavorare alla serie di Castlevania, la nostra bell'autrice ha lavorato come character designer per alcuni giochi strategici della KOEI. Ha inoltre realizzato varie illustrazioni per alcuni romanzi di Miho Mizuno a sfondo medievale.
Ayami Kojima non è solo un illustratrice bravissima ma anche una buonissima fumettista, non a caso già nel 1997 in occasione del lavoro su Castlevania: Symphony of the Night realizzò varie tavole molto belle. Cosa ripetuta poi in tempi più recenti con Castlevania - Curse of Darkness, dove qui la vediamo alle prese con molte più pagine e in questo caso il lavoro è ancor meglio riuscito!

Devo dire che nel bianco e nero la Kojima, seppur brava, non mi convice appieno... il suo tratto mi pare funzionare molto meglio nelle illustrazioni a colori, dove riesce sempre a colpire con il suo gusto del gotico e dell'eleganza. Certo ora sto un pò guardando il pelo nell'uovo, perché comunque sia anche i disegni in bianco e nero sono veramente notevoli.

Da sottolineare il fatto che la Kojima ha un tratto molto europeo, che va citando Klimt e grandi del fumetto come Neal Adams. Quest'ultimo accostamento potrebbe far storcere il naso a qualcuno, ma basta guardare le sue tavole a fumetti per rendersi conto che non è una cosa detta tanto per far numero. Non ne ho la matematica certezza ma credo che la Kojima abbia quantomeno guardato gran parte dei fumetti usciti in america negli anni '60, '70, diciamo il periodo d'oro della Marvel.
Quello di opere leggendarie come il Silver Surfer di Stan Lee e John Buscema per intenderci.
Non mancano anche le influenze nipponiche ovviamente, una su tutte sicuramente il grandissimo Yoshitaka Amano!

Non a caso lo stupendo Alucard di Synphony of the Night è nato proprio ispirandosi al personaggio di Vampire Hunter D, famosissimo personaggio di Amano.

Concludo questo piccolo omaggio alla grandissima abilità di Ayami Kojima mettendo un pò di immagini. Non sono tutte tra le miei preferite ma ho cercato di mettere anche qualche "rarità" se così si può dire:



 Ayami Kojima Alucard    Ayami Kojima -DarkFamily

Ayami Kojima 03    kojima work 

AYAMI KOJIMA ROCK  kojima Klimt


 Kojima vampire god  Kojima Ayami Majin Volume

Ayami Kojima Curse of Dark


Ciao Alita

Quando sei arrivata nella mia vita, ormai nel lontano 2003, mai avrei immaginato che tu potessi entrarmi tanto nel cuore. Devi sapere, c...